Via libera alla somministrazione anche nei circoli culturali e ricreativi. Cancellata una inspiegabile discriminazione

Via libera alla somministrazione anche nei circoli culturali e ricreativi. Cancellata una inspiegabile discriminazione

“È stata finalmente cancellata, dopo mesi di battaglie e di mobilitazione dei nostri circoli in tutta Italia, una incomprensibile e ingiusta discriminazione che ha fortemente penalizzato il mondo dell’associazionismo di promozione culturale e sociale, uno dei settori più colpiti, e dimenticati, dalla crisi legata alla pandemia”.

Così Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci, sul via libera definitivo della Camera all’emendamento al decreto legge Covid per consentire la somministrazione di alimenti e bevande anche nei circoli ricreativi e culturali, con le norme applicate per le medesime attività agli esercizi privati.

“Il voto della Camera – prosegue Chiavacci – consentirà infatti ai circoli nelle zone bianche e gialle – ad oggi Sardegna, Lazio, Liguria, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta – di poter riprendere alcune attività fondamentali. 

Si tratta di un primo passo atteso e importante ma, torniamo a ribadire, non risolutivo per superare una crisi senza precedenti per i circoli, con le sedi chiuse da mesi, le attività sospese, gli affitti e le utenze da pagare e ancora in attesa dei fondi previsti dal decreto Ristori bis, a cui si è aggiunta la fine della possibilità dell’accesso al credito del Fondo di garanzia.

Ci attendono ancora mesi difficili, con la possibilità di nuove strette delle misure anti Covid, già a partire dai prossimi giorni, per frenare la diffusione del virus sospinta dalle varianti.  Un momento nel quale diventa ancora più importante ‘aiutare chi aiuta’. 
Per questo – conclude Chiavacci – anche dopo questo importante risultato, torniamo a chiedere al Governo e al Parlamento misure adeguate per non lasciar morire migliaia di realtà associative in tutta Italia. Il prezzo da pagare per il paese, sociale ed economico, sarebbe davvero troppo alto”. 

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.